Presso la nostra sede di Reggio Emilia abbiamo adibito uno spazio per venire incontro alle esigenze dei nostri associati a prezzi convenzionati per trattamenti di chinesiologia ed osteopatia.

Saremo operativi dal 1 Dicembre 2022 e su appuntamento ogni martedi.
Ci affidiamo ad Emanuele Giubertoni, noto chinesiologo ed osteopata D.O. menbro ROI (registro osteopati d'Italia).

Esempi delle principali problematiche trattate:
    •    cervicalgie
    •    lombalgie
    •    sciatalgie
    •    artrosi
    •    discopatie
    •    cefalee
    •    dolori articolari e muscolari da traumi
    •    alterazioni dell’equilibrio
    •    nevralgie
    •    stanchezza cronica
    •    affezioni congestizie come otiti e sinusiti
    •    disturbi ginecologici e digestivi

Che cos’è l’osteopatia?

L’osteopatia è una medicina manuale complementare che parte da una valutazione per poi curare il paziente con tecniche e manipolazioni.
L’osteopatia è particolarmente indicata per la cura delle disfunzioni muscolo scheletriche, che possono creare disequilibri e produrre dolori e fastidi ai distretti corporei.

Il concetto di disfunzione è molto importante poiché definisce un’anomalia morfologico - funzionale di una o più strutture anatomiche, determinando l’insorgenza di un dolore o se protratta nel tempo una probabile evoluzione sfociante nella vera e propria patologia.
Il concetto alla base dell’osteopatia è la visione olistica (globale) del corpo anche in collaborazione con altre figure professionali.

I principi dell’osteopatia sono:

  • Globalità: Tutti gli organi del corpo sono collegati tra loro anatomicamente o funzionalmente.
  • Autoregolazione: L’organismo è dotato di una capacità naturale di auto guarigione, autoregolazione e autodifesa.
  • Struttura e funzione: Tutte le componenti dell’organismo comunicano fra loro per mantenere lo stato di salute, quindi uno stato disfunzionale diventa un ostacolo in questa comunicazione influendo sulla funzionalità.

Secondo questi principi l’osteopata si adopera per ristabilire l’armonia e la salute nel corpo umano. In questo senso i ragionamenti sono molto eziologici e ragionano sulla causa della problematica, non solo sul sintomo. Per questo è molto utile lo scambio di opinioni interdisciplinare per esempio tra osteopata e odontoiatra, posturologo, fisioterapista, oculista, ortopedico ecc.

La pratica osteopatica non è invasiva e può essere utilizzata più volte senza effetti collaterali, accogliendo una platea di pazienti che va dai neonati agli anziani.
Durante la prima seduta si compie una anamnesi, una valutazione generale considerando il trascorso clinico, poi si procede con i test ortopedici per escludere patologie (di competenza di altri professionisti), per poi procedere con i test osteopatici e il trattamento delle disfunzioni.

Dopo la valutazione se il quadro clinico è chiaro, il numero varia da paziente a paziente e non è possibile standardizzarlo.

Ci si avvale di 4 approcci:

  • Strutturale: Rilasciamento di articolazioni e muscoli.
  • Fasciale: Rilasciamento di tessuti miofasciali (tessuti connettivi che connettono tutto il corpo).
  • Viscerale: Ristabiliscono la mobilità e la motilità di un organo.
  • Craniale: Agiscono sul movimento di congruenza fra le ossa del cranio, andando ad agire a livello osseo, membranoso, nervoso e del liquido cefalorachidiano.